Tag Archives: RUSSIA

AMERICA SAYS LIES…AGAIN

Pubblicato da Luca Cianflone il 28/06/2017

Risultati immagini per TRUMP ERDOGAN SAUDITI

Il portavoce della Casa Bianca,  Sean Spicer, dichiara che secondo le loro fonti Assad starebbe preparando un nuovo attentato con armi chimiche, confessando di essere stati in grado di dedurlo, riconoscendo le stesse tracce lasciate prima dello scorso attentato del 4 aprile, quando persero la vita 87 persone a causa di agenti chimici rilasciati durante esplosioni. Quelle esplosioni furono immediatamente ricondotte all’Esercito siriano e poche ore dopo il Presidente Trump sganciò i suoi missili contro una base siriana. Peccato si sia dimostrato nei giorni ed ormai mesi successivi che quell’attacco non si potesse ascrivere ad Assad, qui trovate il mio articolo, scritto poche ore dopo, dove ragionando sempre sugli scopi di un avvenimento, chi avvantaggia, affermai che il Presidente siriano non avrebbe avuto motivi e vantaggi nel compiere un atto del genere. Ora in rete troverete tutto il materiale e le dichiarazioni, anche dei commissari mandati ad investigare, che smontano o quantomeno non confermano ricostruzioni americane.

Immagine correlata
Quindi ci risiamo, gli Usa non vogliono e non possono mollare l’osso, continuano a mentire e far ripetere a tutto il mainstream le loro falsità; Assad deve cadere, perchè destituendo lui si colpirebbero Iran e Russia, veri obiettivi americani ed alleati storici della Siria.
Gli Usa ed i loro ( anche nostri) partners hanno investito molto in questa operazione, tanti gli interessi che Washington ed Ue devono garantire e difendere, Arabia Saudita e Turchia battono i pugni sul tavolo della Nato, bisogna mantenere i patti stretti con loro. Erdogan ha già perso la faccia avendo prima aiutato l’Isis e provocato Putin, per poi chiederne l’aiuto per contenere un ex alleato ormai fuori controllo, mentre il monarca saudita vuole prendersi a tutti i costi il predominio della regione, con il benestare Usa, vedendo sconfitti gli Stati sciiti di Iran e Siria ( sull’appartenenza degli alawiti siriani agli sciiti, se non addirittura all’Islam ci sarebbero da scrivere pagine e pagine, ma oggi semplificherò, sappiate che è questione aperta da secoli e non chiusa, nonostante i proclami…).

Risultati immagini per putin assad iran

Ora, mi auguro con tutto cuore che questo attacco non si verifichi, ma conoscendo gli interessi in campo e sentendo le minacce contro chi sostiene Assad e quindi implicitamente complici di questi attentati, non mi stupirei se si verificasse questa paventata strage, magari un altro “false flag”, gli Usa sono maestri in questo!, decine i casi dimostrati anche dei loro stessi tribunali.
Speriamo di no, che questi siano solo avvertimenti e propaganda, ma la guerra continua, anzi le guerre, i soggetti sono molti, altissimi gli interessi ed i soldi in gioco, che non ci vengano però a parlare di democrazia e religione! Qui si muore solo per potere e soldi, il resto è solo fumo negli occhi!

TRUMP BOMBARDA SIRIA MIRANDO PUTIN

Pubblicato da Luca Cianflone il 08/04/2017

Torno a scrivere in un giorno triste e temo storicamente tragico, impegnato nei miei studi, ho trascurato in queste ultime settimane il sito, ma oggi non posso esimermi dall’ esprimere il mio punto di vista, nell’illusione che il mio impegno possa esser utile anche solo nel mostrare ad alcune centinaia di persone, un’altra verità, quella che secondo me è quanto di più vicina alla realtà.
Nel fare questa sintetica ricostruzione storica e geopolitica della questione siriana mi baserò unicamente sui fatti appurati e sulla logica.
Inizio con il mettere in chiaro alcuni presupposti fondamentali, senza i quali tutto il racconto ne risentirebbe.

Immagine correlata

Assad non è certo un politico democratico, garante dei diritti e della libertà del proprio popolo. Non è sicuramente l’esempio di presidente a cui giovani politici dovrebbero ispirarsi. Un Stato dovrebbe avere una guida sicuramente diversa, ma anche il miglior pilota ha bisogno della macchina giusta per correre al massimo. La Siria sarebbe pronta ad avere una guida diversa? Ci sono figure politiche in grado di unire la maggioranza del Paese senza scatenare la ribellione delle minoranze?
No, la risposta non può che esser questa, triste, pessimistica ma corroborata da esempi storici contemporanei.
Il Medio Oriente, forse ancor più  di quello che fu l’occidente, è un crogiolo di soggetti, religioni, passioni, istinti, lotte, fratellanze, credo, fedi, culture, tradizioni ed abitudini quanto più diverse possibile, ma al contempo legate indissolubilmente , una matassa inestricabile di più fili annodati assieme in modo tale che tirandone uno qualsiasi, l’intera massa ne subisca l’effetto motorio.
Non si può parlare di Siria senza conoscere ciò che sta attorno e dentro ad essa; per capire la vicenda di questi giorni occorrerebbe leggere pagine e pagine solo per intuirne lo schema generale, va da se che non tutti possono farlo, quindi il mio compito sarà quello di raccontarvi per sommi capi la vicenda, il racconto sarà per forza di cose spesso superficiale, ma in un articolo non posso fare diversamente.
Partirò non dalle origini del popolo siriano ma molto più semplicemente dalla fine della Prima Guerra Mondiale, snodo cruciale nel racconto della storia del Medio Oriente contemporaneo. Caduta Impero Ottomano e spartizione tra le potenze vincitrici dei territori arabi, ad esempio Israele all’Inghilterra e Siria sotto giurisdizione francese. I confini di questi territori però, non furano fatti tenendo in considerazioni i vari aspetti culturali, religiosi e politici di quelle zone, si crearono così Stati in cui si trovarono a dover convivere caratteristiche e peculiarità le più diverse e spesso contrapposte possili.
Altro evento determinante ed ancora oggi attuale fu sicuramente la creazione dello Stato d’ Israele. La questione palestinese l’affronterò in un altro articolo, vi basti sapere che i paesi arabi, considerano da decenni Israele come una minaccia sul controllo della zona, per via della religione e per i soprusi compiuti ieri ed oggi dai sionisti contro gli arabi palestinesi. Negli anni settanta Siria ed Israele si scontrarono per diversi anni, scontri che videro i sionisti, con l’aiuto degli Usa, strappare territori alla Siria, regioni ancora oggi nelle mire siriane…
Dal dopoguerra in poi, la Siria ha vissuto decine di colpi di Stato, sono quindi abituati a dover lottare per il potere, non si può chiedere ad un Paese di cambiare in qualche mese, l’ultimo golpe riuscito fu propri ad opera di un Assad, Hafiz al Assad, padre di Bashar attuale presidente della Siria. Hafiz faceva parte del partito Ba th, partito sciita ancora a capo del Paese, fu prima ministro e poi nel 1971 prese il comando con forza dittatoriale, atteggiamento che tenne fino alla sua morte nel 2000. Il suo successore sarebbe dovuto essere il primogenito, ma morì e quindi Bashar fu catapultato in un ruolo per lui inaspettato, studente e poi uomo ormai occidentalizzato in GB.

Risultati immagini per assad padre e figlio
Torniamo agli anni settanta, scontri con Israele e strategie geopolitiche vedono Assad entrare in Libano, terra originariamente siriana, ufficialmente con lo scopo di ristabilire l’ordine, ma che alla fine vide la Siria sostenere il partito Hezbollah, acerrimo nemico di Israele.
Assad non molla suo dominio in Libano, scatenando la reazione di Israele e dei suoi alleati. In tutto questo, le relazioni con i palestinesi non furono ottimali, pur difendendone la causa, Assad ed il leader dell’Olp (movimento palestinese per la liberazione) Arafat non si sopportarono mai, arrivando più volte allo scontro, diretto ed indiretto, anche tramite azioni terroristiche.
Negli anni 90, la Siria strizzo l’occhio agli Usa, partecipando alla coalizione dispiegata per liberare il Kuwait dagli invasori iracheni, nonostante Saddam fosse di fede sciita come il partito Ba’th.
In quello stesso decennio ci fu il crollo dell’Unione Sovietica e tutta la zona medio orientale ne risentì; la Siria apparteneva al blocco sovietico, soprattutto grazie alle pressioni egiziane, Stato con il quale Assad fu molto legato politicamente, fatto sta che all’avvenuto disfacimento russo, Siria e non solo, guardarono ad occidente, sperando di ricavarne vantaggi, il supporto al Kuwait rientra in questa idea politica. Fu così che gli Usa depennarono il nome della Siria dalla lista dei Paesi “canaglia”, salvo poi inserirla nuovamente una dozzina di anni dopo, quando Assad figlio si rifiutò di sostenere attacco Usa ancora all’Iraq di Saddam.
Cosa abbia rappresentato quell’invasione ce l’hanno confessato anni dopo i responsabili stessi, “un grosso errore…”. I risultati li stiamo ancora pagando…
Il 2003 spinse la Siria a stringere definitivamente i propri rapporti con la Russia, intesa che dura ancora oggi.
A questa partnership tra Assad e Putin si deve aggiungere l’Iran, infatti il paese asiatico fin dal 1979, anno della rivoluzione di Khomeyni, rappresenta per il governo Ba th un ottimo alleato. Questa vicinanza si può spiegare per gran parte con motivazioni religiosi. infatti l’Iran è lo Stato sciita per eccellenza, guida di tutti gli sciiti e fortemente contrapposto ai paesi a guida sunnita come l’Arabia Saudita.
Le forze in campo sono queste: da una parte Usa e quindi Nato e Ue, Israele, Arabia Saudita Stati del golfo e Turchia, dall’altra Russia, Iran e Siria.
Ci sono poi minoranze e gruppi militari che lottano dall’una e dall’altra parte, ognuno con i propri scopi e motivazioni, ma non posso dilungarmi.

Poco dopo l’insediamento del  trentenne Assad, l’occidente scommette su di lui, sperando di arrivare a cambiare in meglio i rapporti tra ovest e Siria e facendo di Damasco un punto di controllo del Medio Oriente. Assad  inizia una politica riformista del paese e promette timidamente leggi a favore della democrazia; la Francia in memoria dei passati rapporti, cerca di fare da anello di congiunzione tra Siria ed Usa, Obama confidava di poter utilizzare i siriani per controllare i gruppi terroristici medio orientali e per impiantare basi in quella zona del mondo, continuando la loro politica di conquista e colonizzazione “discreta”.Con il passare degli anni pare evidente che Assad non avrebbe voluto e potuto compiere quelle riforme democratiche auspicate, non volle perdere il controllo del paese, il partito Ba th essendo una minoranza, sapeva che avrebbe ceduto la guida dell Stato e non lo permise.

Risultati immagini per assad sarkozy

Tra alti e bassi le due posizioni rimasero distanti ma sostanzialmente gli Usa ed i francesi sanno che Bashar è il migliore dei mali…
Nel 2007 Sarkozy convince Assad a riconoscere l’indipendenza del Libano e propone l’idea dell’Unione dei Paesi Mediterranei, i rapporti culminano con l’invito del Presidente siriano alla parata del 14 luglio a Parigi. Bashar trova la legittimazione occidentale ed ottiene nel 2010 la ridiscussione dell’embargo dopo circa 5 anni, con l’impegno di ammorbidire lo scontro con Israele.
Tutto crolla nel 2011, arriva l’anno delle “primavere arabe”. Le rivoluzioni iniziano a scuotere il mondo arabo, dopo Egitto e Tunisia, il vento delle rivoluzioni arriva in Siria a marzo. Assad reagisce con forza ed affida all’esercito la repressione delle proteste, reagisce come avrebbe fatto il padre. Inizia la guerra civile ed iniziano le ingerenze da parte dei nemici storici della Siria, i quali finanziano, addestrano ed armano i ribelli con l’obbiettivo di abbattere Assad.
L’occidente non può permettersi di trovarsi alla fine dello scontro dalla parte sbagliata della barricata, gli Usa decidono di sostenere i ribelli ed abbandonano il regime siriano, convinti sia prossimo alla caduta.
Le valutazioni non furono tese alla democrazia e alla libertà, ma a meri scopi economici e politici, cambiarono in corsa il loro cavallo vincente, ed ora non gli rimaneva che truccare la gara. Obama stanzia centinaia di migliaia di dollari a sostegno dei ribelli, collaborano a bombardamenti ed attacchi su Damasco. Facendo pressioni tramite l’Onu, cerca di convincere Putin ad abbandonare il suo alleato, ma il Presidente russo rimane fermo sulle sue posizioni, sapendo che qualora Assad fosse caduto, la Siria sarebbe implosa e gli effetti si sarebbero ripercossi su Mosca e tutta la zona. Assad grazie a Russia ed Iran riesce a resistere e reagire; presto ci si accorge degli errori, sempre che lo siano, commessi da Usa e Francia; emerge sempre con più chiarezza l’impossibilità di un dialogo tra e con i ribelli, tra i moderati spiccano fazioni terroristiche ed estremiste, una cooperazione diventa inimmaginabile soprattutto con la conquista da parte dell’isis di territori siriani.

Risultati immagini per ribelli moderati strappano cuore

Improvvisamente si ritrovarono “alleati” isis, ribelli moderati ed Usa, combattevano contro lo stesso nemico. Ho precedentemente scritto su cosa sia l’isis, qui troverete l’articolo, quando il mondo, nonostante la disinformazione occidentale, si accorse di quali fossero le alternative ad Assad, la lotta dell’occidente ad Assad si affievolì. Ci fu il primo colpo di teatro Usa: nel 2013 Assad fu accusato di aver usato armi chimiche contro i ribelli e civili, il mondo si sdegnò e tornò ad attaccare Assad, si mosse la Nato, l’Onu, Obama ed Hollande erano pronti a bombardare Damasco, salvo poi desistere, determinante fu l’intervento di Putin, il quale sostenne di credere ad Assad, che smentiva decisamente di aver usato tali armi e si impegnò a convincere la Siria ad accettare inviati Onu per indagare. Le indagini non riuscirono a trovare prove contro Assad, ma i media occidentali sulla vicenda furono molto distratti, tanto che in questi giorni continuano a ripetere con sicurezza di un nuovo attacco chimico.
L’onu disse:
I ribelli dissero:
Le immagini dissero:

Tutto finito nel dimenticatoio… Come se nulla fu… Il mondo della disinformazione decise che quell’attacco fu opera di Assad, poco importa se le prove dicessero altro, lo scopo era comunque raggiunto, far passare agli occhi del mondo inevitabile l’intervento contro Bashar.
I mesi successivi furono difficilissimi per i siriani, migliaia di morti, feriti ed evacuati in entrambi i fronti, con massacri e violenze spesso brutali. Assad oggi è riuscito a riconquistare molte delle zone perse e con l’aiuto di Russia ed Iran ha fermato l’avanzata dell’isis, che negli ultimi mesi è sembrato essere vicino alla sconfitta. Il merito di ciò è da attribuire in gran parte a Putin, l’unico delle grandi potenze ad aver attaccato e colpito lo Stato Islamico seriamente ed essersi potuto opporre a quei paesi che hanno continuato a finanziare il califfato come la Turchia. La Russia sarebbe presto emersa dalla scontro come vincitrice, Assad stava per riprendersi il Paese… quindi un nuovo colpo di scena: un dittatore come lui, che ha saputo barcamenarsi in questi anni, che ha saputo far leva sulle caratteristiche del suo paese, sia per la politica estera che quella interna, che fa?, usa le armi chimiche in zone abitate e bombarda un ospedale in un territorio che presto avrebbe riconquistato facilmente…
Impossibile! Non ho voglia neppure di consigliarvi decine di articoli che provino falsità accuse, non servono prove, basta un minimo di logica. Non aveva bisogno di bombardare quelle zone, insensato farlo con armi chimiche, avrebbe potuto usare qualsiasi altro razzo ed ammesso per assurdo che avesse avuto una minima intenzione del genere, il ricordo di quello che si scatenò quasi 4 anni fa, gli sarebbe bastato per desistere.
Non volendomi ancora esporre sulle immagini dell’attentato perlomeno dubbie, ( ci sarebbero soldati che soccorrono vittime colpite dal gas Sarin senza l’uso di guanti e non rimanendone bruciati) mi pare molto più plausibile la versione secondo la quale un qualche ordigno sia esploso in un deposito ribelle, dove erano contenute armi chimiche, armi che diverse prove hanno dimostrato essere di origine saudita…

Risultati immagini per trump assad

Alcune ore dopo, il Presidente Trump, il quale subito dopo l’attentato chimico del 2013 aveva commentato come stupido un eventuale intervento Usa, quel Trump che fa?, ordina un bombardamento su una base siriana, appoggio anche dell’aviazione russa, impossibile che l’attacco sia stato preparato in così poche ore…
Ora non mi stupirei se il congresso americano facesse passare qualche riforma importante proposta da Donald…
Inutile commentare la stupidità ed inutilità del gesto, rispondere in quel modo non ha rappresentato altro che una provocazione, l’ennesima, al Presidente russo Putin.  Il quale in queste ultime settimane è tornato ad essere vittima del mainstream occidentale ed ora provocato ed obbligato a schierarsi una volta di più con Assad, allargando la distanza tra Usa e Russia, continuando una guerra fredda, indispensabile per i poteri forti americani, preparandosi purtroppo ad una guerra molto calda contro la Russia.

FOR MAKE AMERICA GREAT AGAIN,MAKE WAR AGAIN

ATTENTATO BERLINO

Pubblicato da Luca Cianflone il 20/12/2016

Ennesimo attentato al cuore dell’Europa, dopo la Francia e Zurigo ad esser colpita è stata le Germania.
Un camion si è scagliato contro la folla nei pressi del centro della capitale tedesca;l’attentato è avvenuto nel mercatino di Natale nella Breitscheidplatz, ai piedi della ” Chiesa del Ricordo” , Gedaechtniskirche.

Il veicolo sembra essere partito dall’Italia diretto in Polonia, essendo di proprietà di una società polacca ubicata a Danzica. L’autista del tir,  cugino del proprietario della ditta, avrebbe avvisato la società di avere intenzione di fare tappa a Berlino. Queste le indiscrezioni riportate da alcune testate polacche.
Il corpo di un attentatore è stato ritrovato esanime nella cabina guida del tir, un altro è stato arrestato. Il bollettino tragico è quello di 9 vittime ed oltre 50 feriti; un’ altra città, altri civili, uomini, donne e bambini si trovano chi a versare sangue e chi lacrime, per una guerra non nostra, vittime di giochi dei quali possiamo solo sentirne il puzzo da molto lontano. Chi si scaglia contro un Dio, un  Dio che troppo spesso ci dimentichiamo esser il medesimo per noi, ebrei e musulmani, chi si scaglia contro i clandestini ed immigrati, dimenticando che molti di questi atti vili e codardi sono compiuti da cittadini ” moderati”, europei; nati tra di noi, colleghi, conoscenti, vicini… Ci sfugge dalla mente troppo spesso che questi malati, non sanno nulla di quella religione a cui gli associamo. Cadiamo nel tranello dell’isis con le sue rivendicazioni: ” festeggiano l’attentato, lo rivendicano, quindi il terrorista era un musulmano dell’isis! “…
Siamo vittime di semplificazioni assurde, informazioni pilotate o parziali, generalizzazioni superficiali, aggettivi in antitesi rispetto a questo complicato tema.

Risultati immagini per attentato berlino

Avevo pensato di allegarvi una tabella con il numero di vittime musulmane ed europee riconducibili alla mano dell’isis, mostrandovi che le prime vittime del terrorismo sono i musulmani, ma ho deciso di lasciar perdere… Chi ancora non ha voluto capire, chi si ostina a chiamarla guerra di religione, chi generalizza e condanna un popolo, una razza, un credo, è senza speranza. Confonde un popolo, uno stato, con una religione, un profeta con Dio, una persona che prega in moschea per un potenziale assassino.
Non so cosa potrebbe darmi il potere di aprirgli gli occhi ed obbligarlo a guardarsi attorno. Potrei spiegargli che il Corano parla della Madonna e di Gesù in maniera sempre rispettosa, o confessargli che per l’Islam la Bibbia è un libro importante, molti episodi coranici sono ripresi dalla Bibbia; potrei leggergli decine di sure ( capitoli) in cui l’Angelo Gabriele ( si proprio lui, quello dell’Annunciazione!) detta a Maometto ( un mercante diventato profeta, non un Dio ) bellissime frasi di rispetto reciproco, di fratellanza ed amore. Potrei poi leggergli la Bibbia ed indicargli decine di versi in cui il nostro Dio, non un profeta, si macchia di omicidi e stragi, chiede vergini e vino come bottino per una città conquistata, che ordina di tornare in un villaggio ed uccidere donne e bambini, risparmiando però le femmine che non avevano ” conosciuto uomo”. Potrei infine spiegargli che qualunque cosa ci sia scritta in uno di quei libri, qualsiasi ordine o consiglio, deve essere storicizzato! Deve essere cioè ricollocato storicamente. Maometto uccise cristiani in quel determinato momento perchè era in corso una guerra; quando parla di eliminare o convertire si riferisce a quel preciso contesto in quella determinata cultura. Se attribuissimo questa risolutezza all’Islam, potremmo fare ugualmente con i cristiani, ricominceremmo quindi a metterci in marcia verso oriente, pronti per un’altra crociata, ma temo che continuerebbe a non capire, perchè lui è estremista pericoloso quasi quanto quelli dell’isis.

Abbiamo commesso decine di errori inquanto uomini, non perchè cristiani. La religione è sempre una bandiera che abbiamo steso solo per potercisi nascondere dietro, non permettiamo che si muoia ancora per un Dio che non si vede, che non parla e che non ordina. Delle religioni facciamo nostri gli insegnamenti di pace e fratellanza, l’importanza della beneficenza e del rispetto. Lasciamo stare la spada a chi segue altro, non certo Dio.
Attribuendo questi attentati ad una religione non facciamo altro che avvicinare quei soggetti deboli, confusi, ignoranti e vuoti, al mondo estremista. Gridando sui media che quelli sono islamici, non facciamo altro che cadere nella trappola dell’isis, gli risparmiamo del lavoro, gli facciamo noi le affiliazioni. Quelli non sono musulmani! La religione non ha nulla a che fare con quei soggetti. Questi terroristi altri non sono che persone deboli, guidate ed ottenebrate da menti raffinate che sanno quali tasti pigiare per imprimere loro una motivazione, un ideale, un qualcosa in cui credere, ma tutte queste altro non sono che menzogne; se facessero in tempo a svegliarsi prima che l’incubo cominci, si renderebbero conto che sono tutte bugie, slogan che sfruttano frasi edulcorate dal contesto coranico, usati solo per dare un valore diverso ad una guerra che altro valore non ha, se non quello del potere e dei soldi.

Risultati immagini per grafico paesi esportatori armi

Questo mio discorso non serve a negare l’esistenza di problemi reali e concreti come quelli degli immigrati e della loro integrazione, o come quello dell’estremismo. Scrivo pregandovi di non confonderli. Per avvicinarci a risolvere un problema bisogna capirne l’origine, ed anche se oggi, queste questioni possono apparire intrecciate fra loro, sono argomenti che vanno affrontati separatamente.
L’assioma semplicistico, quindi assurdo, è riassumibile così:  ” l’immigrato viene qui a casa nostra, ma siccome è musulmano non si vuole integrare, copre le mogli e vuole le moschee e magari ci vuole anche uccidere o stuprare le donne perchè è islamico… ”
Questo è quello che numerosi politici, aiutati da parte dei media, ci hanno fatto capire sulla questione. Gli abbiamo chiesto di bruciare bandiere, di non pregare in pubblico, di non vestirsi come credono, di dichiarare di essere contro l’isis…ma che senso ha tutto questo?! Come se, inquanto italiani quando siamo all’estero ci venisse chiesto di dissociarci dalla mafia, non avrebbe alcun senso.

La questione immigrati è importante ed è un problema perchè non siamo in grado di accoglierli come meriterebbe un essere umano, stiamo facendo il massimo ma non sarà mai abbastanza. Ma chiediamoci perchè queste persone sono disposte a rischiare la vita, abbandonare tutto e tutti pur di arrivare in Europa… Scappano da guerre e soprusi, da fame e miseria, parole delle quali noi non conosciamo nulla se non qualcosa intuito su libri e film. Se i governi di tutto il mondo, l’occidente prima di tutti, si impegnassero a non vendere armi, a non formare eserciti di mercenari da scagliare contro nemici su misura, come è stato per Al Qaeda e per l’isis, se si ( CI ) limitassimo nello sfruttamento dell’Africa o facessimo in modo di far arrivare i benefici della vendita del petrolio non solo al dittatore di turno, ma anche chi quel petrolio ce l’ha nel suo paese, se evitassimo di chiamare un paese come l’Arabia Saudita ” Islam Moderato” solo perchè è un nostro importante investitore, se se se… Sono tante le cose che noi potremmo chiedere ai nostri governi… Invece ci limitiamo a dividerci tra chi li vorrebbe lasciati in mare od ad ammazzarsi tra loro e chi li vorrebbe accogliere sì, ma non vicino casa sua. Quando ci sono guerre, l’occidente e molti dei paesi della NATO, vedono le tasche dei loro armaioli riempirsi di banconote, poco importa che siano sporche di sangue, i soldi non puzzano…
Il coinvolgimento occidentale ( Usa prima di tutti ) nel conflitto in Medio Oriente è stato ampiamente dimostrato, chi ha voluto questa guerra e tutti i suoi danni collaterali è facile da intuire, il resto, come ho scritto prima, sono solo bandiere dietro le quali nascondersi, chi la bandiera della democrazia, chi quella della libertà, chi non va più d’accordo con questo o quel tiranno…, tutte cazzate!, l’unica bandiera che sventola tra le loro mani insanguinate è quella del potere.

Immagine correlata

Ora per giorni ci faranno sfogare piangendo altre vittime innocenti, ci sarà chi continuerà la sua crociata contro l’islam e chi inviterà alla coesione, chi parlerà di lotta all’isis e chi ci ricorderà che per ora, gli unici veri eserciti ad aver colpito seriamente l’isis, non sono stati quelli occidentali, ma quelli di Siria, Russia ed Iran. Aleppo è stata riconquistata grazie a Putin, l’occidente non ha fatto nulla, se non disinformazione…

ROCKEFELLER CI PREDICE LA TERZA GUERRA MONDIALE

Pubblicato da Luca Cianflone il 02/09/2016

Parole di Steven Rockefeller:

La situazione attuale mi ricorda quella dell’inizio del XX secolo, alla vigilia della Prima Guerra Mondiale. Ci sono due unioni di possenti Stati (USA e Europa da un lato, Russia, Cina, Iran dall’altro) che si propongono di dominare e non intendono arretrare l’una di fronte all’altra. Mai nella storia una situazione analoga si è conclusa in pace. Sono convinto che ci sarà una Terza Guerra Mondiale. La Russia odierna è del tutto differente dall’Unione Sovietica. Quest’ultima era composta di Repubbliche che potevano essere spinte alla separazione, spiegando loro che, separandosi, avrebbero vissuto meglio. Questo scenario non si è verificato. Parliamo con realismo. Le popolazioni di quelle repubbliche in maggioranza non vivono oggi meglio di prima. Io penso che, dunque, le tendenze separatisti in Russia saranno sconfitte. Bisogna mettersi d’accordo con i russi, oppure ci sarà la guerra. Io penso che mettersi d’accordo sarà impossibile”.

Risultati immagini per steven rockefeller

Chi è Steven Rockefeller? Va da se che il cognome è già una sua presentazione agli occhi di tutto il mondo; il nome però potrebbe risultare ai più sconosciuto.
Steven è figlio di  Nelson Aldrich Rockefeller, ( nipote di John Davison Rockefeller ) Vice Presidente degli Usa e della moglie Mary Rockefeller. Nato nel 36, nel corso dei suoi ottant’anni ha interpretato alla perfezione il ruolo di membro di una delle famiglie più potenti del mondo.
I Rockfeller sono considerati i burattinai del XX secolo, i loro fili si tendono su ogni attività politica, economica e finanziaria americana e quindi occidentale. Petrolio, armi, banche, assicurazioni, finanza, il loro dominio è totale e determinante, il loro appoggio è stato necessario per ogni grande avvenimento degli ultimi secoli.
Come dicevo, Steven ha vestito i panni del Rockefeller perfetto, dividendosi il ruolo di burattinaio con i suoi parenti, mostrando al mondo (aiutato da una stampa per forza di cose molto ” accondiscendente” nei suoi confronti), il volto buono ed impegnato della famiglia: beneficenza, tutela del mondo ed impegno a favore dei più deboli. Professore universitario, filantropo, studioso di religioni e da qualche anno impegnato nella lotta all’inquinamento.
Queste iniziative, sicuramente importanti, servono perlopiù per nascondere agli occhi di noi comuni mortali il ruolo geo-politico che la sua famiglia ricopre in tutto il mondo.

Sarebbe complicato ripercorrere i terremoti sociali ed economici nei quali i Rockefeller si sono impegnati: si passa delle guerre mondiali ai conflitti minori, dalle crisi economiche di singoli paesi al crollo della borsa del 29…
In Italia ed in Europa hanno il possesso diretto o indiretto di molti colossi bancari e finanziari e questo permette un controllo pressochè determinante in qualsiasi grande operazioni dei paesi della UE.
In rete troverete tutto il necessario per approfondire l’argomento, io ho voluto solo presentarvi chi ha pronunciato questa frase e quindi intuirne il valore e l’importanza.
I Rockefeller sanno benissimo che il dialogo con queste potenze emergenti è difficilissimo, non perchè queste siano cattive come ci vogliono far pensare, ma perchè una crescita di Russia e Cina comporterebbe, anzi sta comportando, un ridimensionamento dell’ egemonia statunitense in tutto il mondo. Gli Usa sanno bene che tutto questo è ormai inevitabile ma sperano di poter interrompere il tutto scatenando la Terza Guerra Mondiale! Hillary Clinton non è stata scelta per caso…